Milano
+39 320 80 20 296
info@psicologidigitali.it

Cybergossip: i lati positivi per gli adolescenti

Cybergossip: i lati positivi per gli adolescenti

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

L’Era dei Social Network ha portato con sé conseguenze rilevanti per la vita di ognuno, soprattutto per quelle degli adolescenti. Facebook, Whatsapp e Instagram si sono spesso dimostrati amplificatori naturali delle cosiddette “dicerie” o più genericamente cybergossip. Un fenomeno da monitorare che può avere anche risvolti positivi.

 

Cybergossip psicologi digitali digital social network

 

Dall’Università di Cordoba, in Spagna, arriva uno studio che sottolinea gli aspetti positivi del cybergossip e ne smentisce alcune credenze.

👩‍🏫 La dottoressa Eva Romera, a seguito di attente analisi sul comportamento degli utenti online e sui loro commenti, afferma che il cybergossip non porta solo a comportamenti rischiosi come il cyberbullismo.

Infatti, i commenti online assolvono anche a una preziosa funzione di socializzazione.

Lo studio, inoltre, smentisce il falso mito secondo cui le ragazze siano maggiormente promotrici del Cybergossip rispetto ai ragazzi.

👉🏻 Con Cybergossip si intende lo scambio di commenti “valutativi” su una piattaforma online  tra due o più persone su una terza persona che non è presente.

Questo tipo di comportamento online è comune tra gli adolescenti, soprattutto su piattaforme di messaggistica istantanea e social network.

Il Cybergossip influisce direttamente sul gruppo e può sia favorire che danneggiare la qualità delle relazioni tra i suoi membri.

Fare pettegolezzi tra amici è una modalità comunicativa considerata divertente e tende ad essere piuttosto popolare. Nonostante la connotazione negativa che se ne dà, i pettegolezzi sono eventi naturali, che caratterizzano l’esperienza di tutti e appartengono a tutte le culture.

Il pettegolezzo, infatti, deve essere interpretato come un meccanismo che unisce il gruppo, facilita il trasferimento di informazioni, rafforza i legami e influenza il comportamento dei membri del gruppo.

Tuttavia, la ricerca scientifica su questo tipo di comportamento tra gli adolescenti si è sempre focalizzata sugli aspetti negativi, che prevedono atteggiamenti aggressivi e conseguenze dannose.  

➡️  Il nuovo studio rimescola le carte, offrendo una visione nuova. Sebbene la ricerca non escluda il fatto che il Cybergossip possa portare a comportamenti negativi (come escludere qualcuno dal gruppo o danneggiare la sua reputazione), afferma che è necessario valutare anche la sua “funzione socializzante“.

In che modo il cybergossip è positivo?

Secondo Romera, fare commenti valutativi online su qualcuno che non è presente può avere un’influenza positiva tra gli adolescenti perché permette loro di 

“sentirsi meglio, sentirsi più integrati nel gruppo, capire meglio cosa pensano gli altri e saperne di più sulle persone che li circondano”

In definitiva, il Cybergossip dovrebbe essere letto in modo globale.

✅ Oltre a essere considerato un rischio, il Cybergossip è “un meccanismo di apprendimento sociale”che promuove nuovi modi di interazione sociale.

Il Cybergossip è un modo per mettere in pratica le capacità di comunicazione online, utili per costruire relazioni virtuali positive, perché la complessità di questa comunicazione include anche la revisione critica e la ricerca di modi per riconciliare i contributi di ciascun interlocutore.

La ricerca sul Cybergossip

Lo studio, condotto in collaborazione con l’Università spagnola di Siviglia e l’Università colombiana di Nariño, ha effettuato un’accurata revisione della letteratura su gossip e cybergossip. Inoltre, è stato progettato e convalidato un questionario, sottoposto a 3.747 studenti delle scuole secondarie spagnole e colombiane tra i 12 e i 19 anni.

📑 Il questionario consisteva in nove domande, scelte da un numero molto più alto mediante rigorose analisi statistiche. La professoressa Romera sostiene che questo metodo di sondaggio self-report “consente risposte confidenziali riguardo a qualcosa legato alla fiducia e alla discrezione”.

📈 Le analisi evidenziano l’idea che cybergossip sia simile in entrambi i Paesi e che sia messo in atto allo stesso modo tra maschi e femmine, eliminando così l’idea che le femmine siano più propense al cybergossip rispetto ai maschi.

Un’altra conclusione raggiunta dai ricercatori è che il cybergossip dovrebbe essere affrontato in classe.

⭕️ Romera spiega che l’attuale sistema educativo dovrebbe includere l’insegnamento su come interagire sui social network. ⭕️

Gli strumenti che possono consentire relazioni virtuali sane e di qualità dovrebbero essere offerti e questi strumenti promuoverebbero l’apprendimento di nuovi modi di interagire.

Anche in questo caso, dunque, è necessario un maggior approfondimento dell’argomento in questione e un’integrazione con i sistemi educativi.

Questi sono gli articoli più apprezzati dai nostri lettori, dai un'occhiata anche tu!


Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  •  
    4
    Shares
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.