Milano
+39 320 80 20 296
info@psicologidigitali.it

Facebook f8 2019: 3 importanti novità e le loro ricadute psicologiche

Facebook f8 2019: 3 importanti novità e le loro ricadute psicologiche

Facebook-f8-2019
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ogni anno Facebook Inc. organizza una conferenza di 2 giorni dedicata agli imprenditori digitali, in cui gli sviluppatori di Facebook presentano le ultime novità che saranno diffuse nei mesi successivi sulle piattaforme del gruppo. Ecco le nostre impressioni del Facebook f8 2019.

Facebook f8 2019

Si tratta della Facebook f8 e quest’anno si è tenuta il 30 aprile 2019 a San José, in California. Ad aprire la conferenza è stato Mark Zuckerberg che ha presentato molti progetti in fase di lancio o di sviluppo all’interno del macro-sistema Facebook-Instagram-WhatsApp, parlando del più grande cambiamento nella storia della compagnia. Abbiamo selezionato per voi le novità più interessanti, soprattutto da un punto di vista di ricadute psicologiche sull’utente.

Il futuro è un ritorno alla Privacy

Potrebbe sembrare un paradosso parlare di Privacy e Social Network nella stessa frase, soprattutto se si pensa agli scandali che hanno coinvolto Facebook nell’ultimo anno (ad es. Cambridge Analytica).

Ma Mark Zuckerberg apre la conferenza Facebook f8 con una frase a caratteri cubitali:

“The future is private” (“Il futuro è privato”)

Si parla così di una nuova idea di social network, il quale tenderà sempre più ad essere una private social platform. I social network stanno cambiando la loro missione: da strumenti utili per potenziare la propria cerchia di relazioni, si stanno sempre più sviluppando come piattaforme utilizzate per rafforzare le relazioni già esistenti.

Facebook analizza costantemente il comportamento degli utenti online. Negli ultimi mesi sono emersi 2 importanti trend comportamentali che il colosso ha deciso di assecondare:

  1. Una volontà degli utenti a condividere contenuti con gruppi ristretti di persone;
  2. Una forte propensione alla pubblicazione di contenuti per un lasso di tempo sempre più breve.

Questi due nuovi comportamenti emergono soprattutto all’interno della piattaforma social più diffusa tra i giovani: Instagram. Infatti assistiamo al successo crescente delle storie temporanee a discapito della pubblicazione di post all’interno del feed e all’incremento di utilizzo della funzionalità di pubblicazione “Amici più stretti” permessa all’interno delle storie.

I dati comportamentali stanno mostrando come i nativi digitali, spesso attaccati per una mancanza di senso della privacy, la stiano invece ricercando e riscoprendo nella volatilità dei contenuti condivisi sui social network.

Così Facebook va incontro ai nuovi trend di comportamento degli utenti delle sue piattaforme attraverso:

  1. un potenziamento di funzionalità inerenti alla protezione della privacy, come la crittografia end-to-end, la sicurezza, l’interoperabilità e l’archiviazione sicura dei dati;
  2. una facilitazione nel condividere contenuti temporanei, migliorando l’esperienza con le storie di Instagram, con ad esempio l’aggiunta di “create mode”, una nuova interfaccia della fotocamera che permetterà di condividere più facilmente i contenuti creativi.

Il futuro è all’interno di Comunità

Negli ultimi giorni avrete probabilmente notato, aprendo Facebook, questo nuovo invito all’azione:

gruppi di facebook

Tra i cambiamenti più importanti che stanno riguardando la piattaforma di Facebook vi è infatti la volontà di rendere le community importanti quanto gli amici. Mark Zuckerberg a circa metà della sua presentazione al Facebook f8 2019 riflette sul fatto che ad oggi vi sia sempre meno coesione sociale, a causa delle poche occasioni offline di socializzazione all’interno di comunità locali e non. Per questo motivo Facebook vuole offrire nuove esperienze di socializzazione attraverso le community online.

Ciò si riflette nel cambiamento più importante degli ultimi 5 anni che vede un grande restyling dell’app principale di Facebook e della sua versione desktop.

La piattaforma si focalizzerà, grazie ad una nuova interfaccia grafica, maggiormente su gruppi e community.

Attraverso una finestra di composizione dei post, ad esempio verrà suggerito agli utenti non solo di condividere il messaggio sul proprio profilo, ma anche sui gruppi pubblici e privati.

Verranno inoltre introdotte nuove funzionalità che renderanno più facile scoprire e coinvolgere gruppi di persone che condividono gli stessi valori e interessi.

I cambiamenti più importanti per i gruppi

Ecco quindi quali sono le novità che arriveranno:

  1. un feed personalizzato con le attività svolte all’interno delle community alle quali si è iscritti;
  2. la funzionalità “incontra nuovi amici” che suggerirà amicizie in base ai propri interessi;
  3. i nuovi strumenti per comunità specifiche (gruppi di supporto alla salute, gruppi di gioco, gruppi “buy and sell”, gruppi di lavoro, ecc.).

Inoltre sarà dato risalto agli eventi nelle vicinanze o a cui partecipano persone appartenenti agli stessi nostri gruppi.

Da un punto di vista sociologico la piattaforma si sta così trasformando sempre di più da uno spazio pubblico ad uno spazio privato.

Una sorta di ritorno alle origini, se si pensa che Facebook nasce come uno strumento per restare in contatto con i familiari e gli amici più stretti e creare legami in base agli interessi e alle passioni comuni.

Il futuro è in formato Tutto-in-uno

Siamo connessi ogni giorno a molteplici piattaforme per restare in contatto con amici e parenti.

Spesso percepiamo un affaticamento cognitivo nell’adattarci costantemente a ciascun medium, con le sue specifiche pratiche, modi di comunicare e significati che gli attribuiamo. smartphone

Alla luce di queste riflessioni, il trend principale di Facebook Inc. in futuro sarà quello dell‘integrazione delle varie piattaforme e funzionalità. Così al Facebook f8 2019 è stato comunicato che:

  1. Facebook, WhatsApp e Instagram potranno scambiarsi reciprocamente i messaggi;
  2. Messenger avrà presto una sua app desktop per Windows e MacOS e cambierà look, permettendo così di mettere più in evidenza le storie degli amici, introducendo lo status come su WhatsApp e consentendo di condividere in maniera più semplice un video proveniente da Facebook;
  3. su Instagram sarà implementata la recente funzione introdotta per effettuare acquisti direttamente in app, potendo anche comprare i prodotti direttamente dai creator dei post e scoprire post da cui effettuare acquisti all’interno della pagina Explore;
  4. su WhatsApp le aziende che utilizzano la WhatsApp API o la WhatsApp Business App potranno mostrare i propri prodotti ai potenziali consumatori che entrano in contatto con loro, attraverso i cataloghi di prodotto.
Complessivamente, sarà più facile per gli utenti trovare quello che cercano e raggiungere le funzioni più utilizzate. L’obiettivo attuale di Facebook è quello di semplificare i passaggi necessari per ciascuna azione all’interno delle loro piattaforme, soprattutto per le azioni di acquisto.
Per questo, tutte le piattaforme si stanno sempre più integrando una con l’altra, con funzionalità sempre più simili tra di loro.
Avremo forse un giorno un unico social network con un’app di messaggistica istantanea integrata al suo interno? Facebook, WhatsApp, Instagram e Messenger diventeranno un’unica piattaforma?

Questi sono gli articoli più apprezzati dai nostri lettori, dai un'occhiata anche tu!


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.