Via Camillo Hajech, 10, 20129, Milano
+39 334 985 3617
info@psicologidigitali.it

Empatia di brand: 3 strategie per crearla

Empatia di brand: 3 strategie per crearla

empatia di brand

Il concetto di empatia è ormai alla portata di tutti. La psicologia se ne occupa molto e lo studia da tempo. Molti potrebbero pensare che riguardi solo ciò che avviene tra le persone e invece no, perchè può avere un senso anche per i brand.

empatia di brand

Per le persone, la capacità di mettersi nei panni degli altri può risultare molto utile nella sfera privata e lavorativa: è il punto di partenza per qualsiasi relazione autentica e soddisfacente.

Creare relazioni di valore è importante anche per i brand. A fare la differenza è oramai la capacità di un’azienda di “conversare” con i propri clienti o con quelli potenziali. 

Un approccio empatico è fondamentale per avviare e mantenere interazioni proficue per entrambi i soggetti coinvolti (brand e cliente).

Cerchiamo a questo punto di capire cosa si intende per empatia.

Che cos’è l’empatia? 

Il concetto di empatia è stato oggetto di diversi studi nell’ambito della psicologia e delle neuroscienze.

Secondo gli psicologi e ricercatori Choi-Kaing e Gunderson il concetto di empatia si può riassumere come:

una reazione affettiva che comporta la condivisione di uno stato emotivo con l’altro e la capacità cognitiva di immaginare la prospettiva altrui mantenendo una distinzione stabile.

La psicologia, in particolare quella del marketing, può essere molto utile nell’aiutare un’azienda a lavorare sull’empatia di brand. 

💜 Benefici dell’empatia di brand 

Negli ultimi anni, grazie anche alla tecnologia digitale e ai social network, la relazione tra brand e consumatori è molto cambiata.

I singoli sono maggiormente consapevoli rispetto ai messaggi pubblicitari e apprezzano sempre meno un tipo di comunicazione push e invadente.

La relazione con i propri consumatori deve essere per quanto possibile autentica e basata su rispetto e riconoscimento.

I benefici che ne conseguiranno sono:

  • un coinvolgimento più attivo da parte dei consumatori
  • un interesse spontaneo a co-costruire i messaggi da parte dei consumatori

Di seguito, 3 strategie per creare empatia di brand.

1️⃣ Fare domande giuste 

Prima di valutare se una risposta è esatta si deve valutare se la domanda è corretta.

Porsi le giuste domande rispetto ai pensieri, agli atteggiamenti e ai comportamenti del proprio target di riferimento può rivelarsi molto vantaggioso.

Pertanto, investire in ricerche di mercato è un primo passo importante per approcciarsi a dei clienti (soprattutto se nuovi). È possibile farlo tramite: questionari, focus group o sondaggi. 

Il primo livello di empatia di brand è lo stesso delle relazioni interpersonali positive: sfruttare la capacità cognitiva di porsi le giuste domande, al fine di immaginare facilmente la prospettiva altrui. 

2️⃣ Mantenere la giusta distanza

I consumatori sono più attenti e meno impressionabili di quanto lo fossero 10 anni fa. 

Dunque, creare contenuti autentici e sponsorizzarli con la “giusta” frequenza sarà sicuramente apprezzato. 

È possibile farlo selezionando quelli che sono i canali per incontrare il target e studiare l’esposizione più idonea degli annunci da presentare.

Il secondo livello di empatia di brand prevede di mantenere le giuste distanze per permettere di far fare al cliente o potenziale tale un’esperienza di valore e rispettosa delle comunicazioni del brand.

3️⃣ Trovare un terreno comune

I consumatori acquistano e si relazionano ai brand anche sulla base di emozioni che vengono sollecitate e nello stesso tempo più o meno accolte.

Trovare un terreno comune che consenta al target di vedere riconosciute le proprie emozioni e valori può risultare efficace. 

Valutare le emozioni dei propri consumatori non è semplice, ma neanche impossibile.

È necessario che vi sia un terreno comune tra quello che il brand può offrire e le motivazioni che muovono i clienti a sceglierlo.

Il terzo livello di empatia di brand farà sì che si trovi un terreno comune per condividere lo stato emotivo tra il brand e il consumatore.

✔️ Conclusioni 

Approcciarsi ai propri consumatori con le modalità appena descritte permette di creare un’empatia di brand. 

I consumatori si sentiranno maggiormente attivi e riconosciuti nella relazione con il brand e più partecipi nella costruzione dell’esperienza di un prodotto o servizio.

Ricapitolando per creare empatia di brand bisogna:

  1. Fare le giuste domande
  2. Mantenere la giusta distanza
  3. Trovare un terreno comune


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.