L’effetto TikTok sulla Generazione Z

Lo leggi in 4 minuti

Indice

Hai già letto il

effetto tiktok gen z

TikTok è attualmente l’applicazione più scaricata al mondo ed è il social dell’intrattenimento per antonomasia.

Lanciato nel 2016 in Cina inizialmente con il nome musical.ly, dalla sua uscita ha totalmente rivoluzionato il nostro modo di usare i social media.

Ai suoi esordi TikTok permetteva di realizzare dei video di breve durata in cui ballare sulle note delle canzoni più popolari del momento.

Questa caratteristica lo ha fatto diventare virale in pochissimo tempo, soprattutto tra i giovanissimi della Generazione Z, ovvero i nati tra il 1997 e il 2012.

Vediamo assieme i motivi di questo successo esponenziale.

Da chi è composta la Generazione Z?

Come abbiamo visto in precedenza, la Generazione Z è stata quella che ha influenzato maggiormente la crescita iniziale di TikTok, ora diffuso anche tra le altre fasce d’età.

Ma come mai?

Iniziamo con il dire che la Generazione Z è composta da quelli che sono i consumatori dell’oggi ma soprattutto del domani. Ed è proprio per questo che la comunicazione di moltissimi marchi è rivolta proprio a questo segmento di pubblico.

I ragazzi e le ragazze della Gen Z vengono coinvolti in azioni pubblicitarie, campagne di comunicazione del brand, eventi ed experiences.

Sono a tutti gli effetti dei brand ambassador in grado di influenzare e orientare le nostre scelte e il nostro comportamento d’acquisto.

Tutto ciò li porta ad esporsi in prima persona sui social, comunicando e interagendo attivamente con la propria community.

La Generazione Z è una generazione curiosa, coraggiosa, aperta al cambiamento, che combatte l’omologazione e rifiuta stereotipi e pregiudizi sociali.

Infine, non dobbiamo dimenticare che i nati tra il 1997 e il 2012 sono cresciuti assieme a internet, venendo in contatto da subito con i social e con il mondo digitale.

Perché TikTok ha conquistato la Generazione Z?

Per i motivi di cui abbiamo parlato sopra, TikTok ha tutte le carte in regola per essere il social “preferito” nonché il più adatto alla Gen Z.

Ma vediamo perché.

Innanzitutto, il fatto di aver incontrato la tecnologia da giovanissimi rende le persone della Generazione Z molto esperte ed esigenti in termini di qualità e feature dei contenuti social.

Per questo sono grandi amanti dei cosiddetti rich media, ovvero i contenuti multimediali interattivi, dinamici e imprevedibili che spingono le persone all’interazione.

tiktok Generazione Z

Su questo aspetto TikTok vince su tutti: è ricco di feature interattive sempre aggiornate che permettono agli utenti di svolgere tantissime azioni all’interno della piattaforma.

Tra le funzionalità più efficaci troviamo:

  • i filtri per modificare il proprio aspetto, la voce o lo sfondo del video
  • le challenge da lanciare e condividere con la propria community

Un altro aspetto che fa impazzire la Generazione Z per questo social è quello legato alle tendenze musicali.

Gli utenti prendono dei pezzi delle canzoni appena uscite e creano dei video che in pochissimo tempo possono diventare virali. Questo rende gli appartenenti alla Gen Z dei veri e propri trend setter musicali in grado di orientare l’andamento degli ascolti discografici.

Inoltre, con il lancio di TikTok, anche tutti gli altri social si stanno muovendo nella direzione dei contenuti video, abbandonando un po’ alla volta le foto statiche.

Il format di TikTok funziona moltissimo tra i giovani: video verticali a tutto schermo, che partono in automatico con l’audio attivato, brevi e ingaggianti. Che molto spesso fanno divertire, a volte commuovere, a volte ci insegnano qualcosa, ma che in ogni caso continuiamo a guardare ipnotizzati.

Infine, ricordiamoci che TikTok è illimitato, non male per una generazione con la soglia dell’attenzione generalmente al di sotto della media, spesso annoiata e alla ricerca di continue novità.

TikTok: un’opportunità da sfruttare

Dal grande successo con la Generazione Z, negli ultimi anni l’audience di TikTok si sta arricchendo anche con persone più adulte nella fascia tra i 35 e i 40 anni.

TikTok brand strategy

Infatti, oltre che i classici “balletti” e challenge divertenti, troviamo sempre più spesso contenuti educativi e divulgativi su qualsiasi tematica: dal giardinaggio all’andamento dei mercati internazionali, da consigli di cucina alle notizie con i più recenti fatti di cronaca in tutto il mondo.

Il potenziale di TikTok sta anche nella sua incredibile diffusione: i cosiddetti short-form video riescono a raggiungere moltissime persone e a farle interagire più di qualsiasi altro social.

Possiamo anche affermare negli ultimi tempi TikTok sta diventando sempre più una piattaforma di e-commerce, ed è confermata la tendenza delle persone ad acquistare dopo aver visto un contenuto pubblicitario sui social.

Sempre più aziende, infatti, stanno investendo grossi budget per espandere la propria comunicazione anche all’interno di TikTok.

Conclusioni

Le categorie di persone che utilizzano i social e il modo in cui lo fanno ci da un’informazione importantissima sulla natura delle piattaforme e sulle potenzialità che offrono.

La Generazione Z è stata sicuramente catturata da TikTok e ne ha accelerato lo sviluppo, alimentandola con nuovi spunti e contenuti.

Questo ha creato un terreno fertile anche per le altre generazioni di utenti e per i brand che hanno la possibilità di sfruttarne il potenziale da un punto di vista strategico.


Picture of Valentina Congedi
Valentina Congedi
Marketing & Communication Psychologist | Social Media Manager | Content Creator
1

Condividi su

Parlaci del tuo progetto

Prendiamo un caffè virtuale insieme senza impegno